marzo 08, 2006

Wa e Ga (1ª Parte)

Benvenuti a un nuovo post. Le cose cominciano a farsi interessanti. Ho comprato un libro che si chiama Nihongo Bunpoo. Sembra abbastanza ben fatto, per quanto ne possa capire, e molto completo, scritto da due professori dell’Università di Barcellona e Eichi, in Giappone, edizioni Herder.

Iniziato a sfogliare mi sono imbattuto subito in due simpatiche particelle ( o meglio, posposizioni, poi capirete perchè) che sono importantissime in giapponese: WA e GA.

L’argomento è vastissimo quindi ne parlerò in due o più post e scriverò in romaji, visto che ancora lo studio degli alfabeti non è completo.

Wa indica l’argomento della frase, ga il soggetto.

In Estate [wa] le giornate [ga] si allungano.
Parlo d’estate e chi fa l’azione sono le giornate.

Wa indica anche il contrasto:

Watashi wa(Io) sakana wa(il pesce) suki desu ga(piace), niku wa(la carne) suki dewa arimasen(non piace)

Watashi wa (io)shinbun wa(il giornale) kaimashita ga(l’ho comprato), zasshi wa(le riviste) kaimasen deshita (non le ho comprate)

Più in generale, mettendo in contrasto l’azione A, fatta con X con l’azione B fatta con Y, si usa la seguente sintassi:

[Soggetto]+WA+[Oggetto X]+WA+[Azione A]+GA e [Oggetto Y]+WA+[Azione B negata]

Una precisazione doverosa. In giapponese non esistono ne i generi ne il plurale. Neko, per esempio, vuol dire gatto, gatti, gatta e gatte. Sarà il contesto della frase a farci capire cosa si intende dire.

Ga è il soggetto cuando si introduce per la prima volta.

Asoko ni(lì) hon ga(un libro) arimasu(c’è). Hon wa(il libro) nihongo no(giapponese di, di giapponese) kyookasho (un manuale) desu(è).

Desu (pronunciato dess ameno che non siate di Tokyo :o) ) e’ la forma cortese, affermativa presente del vebo dearu che vuol dire essere/stare.

Ga si usa anche per i pronomi interrogativi (chi, cosa, quale, ecc.)
Dare ga(chi) kimashita(venne) ka(interrogazione)

Ka equivale al nostro “?”. Si usa per le forme interrogative (sì, le domande insomma, cercherò di evitare termini da “libro di grammatica”). La inflessione della voce è minore rispetto a quando noi domandiamo, proprio perché è ka a far capire che è una domanda.

Dore ga(Quale) anata no(di te) desu(è) ka(interrogazione)

Ga è il complemento oggetto nella struttura WA, GA nelle frasi che:

Indicano possibiltà o abilità:
Maria-san wa(parlando di Maria), nihongo ga(il giapponese) wakarimasu(capisce)

Tanaka-san wa(a proposito di Tanaka), uta ga(cantando) joozu(bravo) desu(è)
Joozu indica essere bravi a fare una cosa

Indicano necessità:
Watashu wa(io) atarashii(nuova) kuruma ga(macchina) irimasu(avere bisogno)

Indicano emozioni o desiderio:
Watashi wa (io) kuruma ga(una macchina) oshii(desidero) desu

Implicano i 5 sensi:
Koko kara(da qui) umi ga(il mare) miemasu(si vede)

Direi che per questo post fino qui può bastare, ce n’è per passarci un pò di tempo. Alla prossima per il prosieguo dell’uso di wa e ga.

Cose da fare:
- Continuare con l’Hiragana, senza abbassare la guardia visto l’uso del romaji
- Capire bene la differenza tra wa e ga e i vari casi in cui si usa l’uno o l’altro
- Cercare in rete facili esercizi per migliorare l’apprendimento.

9 Comments:

At 2:10 PM, Blogger Esaurito said...

Aaaarrrrgghhhhh......!

 
At 5:59 PM, Blogger crispo said...

Eeehhh, certo non è facile... e siamo solo all'inizio. Presto posterò degli esercizi, magari chiariscono qualcosa...

 
At 5:01 PM, Anonymous Anonimo said...

Piacere Crispo-SAN!
Sono una giapponese che studio l'italiano.
Sono lieta di trovare il tuo blog dal giappone e COMPLIMENTI il tuo studio! "GANBATTE!"
Spero che torni presto.
Ci vediamo su qui.
Ciao

 
At 8:44 PM, Anonymous Julien said...

Ciao Crispo,
complimenti per il tuo blog, anche io ho iniziato da poco a studiare giapponese per passione del Sumo (sono il webmaster di www.sumo.it).
Studio in un'associazione di Milano, mi farebbe piacere condividere con te esperienze e passi da fare nello studio.

 
At 11:34 PM, Blogger crispo said...

Arigato a entrambi!

Sono contento che troviate il blog interessante, spero in una vostra collaborazione assidua. Come ho già detto, scrivo qui quello che studio, quindi qualsiasi tipo di aiuto è più che ben accetto...

A risentirci presto!

 
At 7:04 PM, Anonymous Anonimo said...

Per me che studio il giapponese nel tempo libero e cercando in rete ogni tipo di aiuto questi blog sono ORO!
grazie x l'impegno e la tua voglia di condividere quello che fino a pochi anni fa sembrava imposibile:imparare il giapponese ;P

 
At 2:23 PM, Anonymous Anonimo said...

Complimenti vivissimi per l'inizziativa! Ho conosciuto delle ragazze giapponesi e mi sono incuriosito sulla loro cultura e lingua! La trovo affascinante e molto interessante! Grazie per queste spiegazioni prezziosissime!
:-)
Mordred

 
At 11:12 PM, Anonymous Anonimo said...

buonasera a tutti...vorrei farvi una domanda..qual'è il modo migliore per dire "ti voglio bene" in giapponese??? grazie 1000 e complimenti per il sito...

 
At 1:18 AM, Anonymous Nicole said...

Eh si, con questo post ce n'è per passarsi un pò di tempo... ho 15 anni e sto cercando di studiare il giapponese, anche se il cinese sta prendendo piede (un pò troppo, preferisco il giapponese) >.>
Le vocali hiragana le so, pure qualche sillaba sparsa... i kanji pian piano li sto imparando (quelli base, tipo grande, piccolo, sopra, sotto eccetera)... il katakana mi è sconosciuto XD Non mi piace nemmeno tanto...
Complimenti per il blog!

 

Posta un commento

<< Home